PUBBLICITÀ GANZE E NOVITÀ – BRAND NEW WORLD

Cinema e spaghetti: 3 brand a confronto

Il lungo amore tra pasta e cinema nelle campagne di tre marchi storici

Non, non parliamo dello Spaghetti Western. Senza scomodare Sergio Leone, che pure girò uno spot Renault, stavolta parliamo di pasta vera e propria, di quella da arrotolare o infilzare con la forchetta. Quella che da sempre imbandisce le tavole nostrane e non disdegna, sul piccolo schermo, di presentarsi in veste di star. Non si contano gli spot che nel corso degli anni hanno coinvolto attori e registi per magnificare la verace appetibilità di penne e bucatini. Gli ultimi manifesti di questo sodalizio riguardano tre brand tra i più noti del settore: Barilla, Garofalo e De Cecco. Vediamo in che modo sono interessanti e quali trend affermano.

Pasta, amore e Ferzan Ozpetek: la campagna De Cecco 2021

Quattro spot firmati da Ferzan Ozpetek, in uscita in queste settimane, compongono la campagna 2021 di De Cecco. Protagonisti, Claudia Gerini e Can Yaman, lei icona dell’italianità, lui del fascino esotico, lei in veste di esperta del marchio, lui di entusiasta scopritore. Due generazioni e due culture a confronto in spot che giocano, neanche a dirlo, sul doppio filo del gusto e della seduzione reciproca. L’autorialità c’è, le star pure, l’originalità non brilla. Tuttavia gli spot usciti, al momento solo due, danno occasione al brand di consolidare la percezione di qualità del prodotto e introdurre le nuove paste salutistiche. Il primo, girato in un ristorante, permette anche una parentesi a sostegno della ristorazione penalizzata dalla pandemia. Un’operazione di Brand Identity che si articola su più fronti ed è destinata ad ampliarsi con i prossimi due spot.

Amici per la pasta: campagna Garofalo 2021

Il marchio Garofalo ha scelto da tempo di legarsi al cinema, non soltanto con spot firmati. Nel 2009 ha persino iniziato a produrre cortometraggi, tra cui The Wolly Family di Terry Gilliam, vincitore all’European Film Award 2011, e Armandino e il Madre di Valeria Golino, Nastro d’Argento nello stesso anno. Con la campagna 2020 “Un vero spettacolo”, con Luca Zingaretti e Luisa Ranieri, il brand veicola il concetto che ogni famiglia vive momenti straordinari, semplicemente sedendosi a tavola.

Ma il salto in più arriva quest’anno con la campagna #AmiciPerLaPasta che, in occasione dell’uscita del film Luca di Disney e Pixar, celebra l’amicizia con un concorso online. Accedendo a un sito creato ad hoc e rispondendo a tre domande sull’amico del cuore si riceveva una card personalizzata con l’immagine del piatto di pasta che più simboleggia l’amicizia in questione. Card da condividere sui social con l’hashtag della campagna, taggando l’amico del cuore. Insomma, interazione ed engagement su più piattaforme con un target decisamente più giovane del solito.

Dallo spot d'autore al tour virtuale: campagna Barilla 2021

La storica azienda di Pietro Barilla annovera tra i registi dei propri spot nientemeno che Federico Fellini. Nonostante il disamore per la televisione, il regista firmò per l’azienda il celebre spot Alta società, più conosciuto come “Rigatoni”, dalla battuta della protagonista che rivendicava la scelta della pastasciutta davanti a un cameriere intento a sciorinare piatti di Nouvelle Cuisine. Nel corso degli anni, il rapporto con il cinema non è venuto meno. Lo dimostra la campagna 2020 Nata sotto il cielo d’Italia, con tre spot d’autore firmati da Sergio Rubini, Daniele Luchetti e Alessandro Genovesi. Vita familiare, amici e nuovi amori con l’immancabile condimento di pomodori rossi e basilico fresco, in tre diversi spaccati di vita quotidiana. Tutti gli ingredienti dello spot autoriale e squisitamente iconico a cui il brand ci ha abituati.

Più interessante la campagna 2021 Grani d’autore con una mostra di illustrazioni dedicate al mondo Barilla ad opera di giovani artisti internazionali. La mostra, recentemente ospitata anche nel comune di Parma, è visitabile con un virtual tour interattivo sul sito web dell’azienda. Sullo stesso sito, sono scaricabili le illustrazioni esposte, visibili anche in versione animata.

Di che pasta sono fatti gli spot nel 2021?

Se da una parte il settore punta ancora sulla comunicazione di stampo classico, in linea con la tradizionalità del prodotto, dall’altra si aprono nuove strade. I brand dialogano in modo più diretto con il proprio target, complici i social e tecnologie più immersive. Si amplia il pubblico di riferimento con strategie rivolte a segmenti diversi. Si moltiplicano linguaggi e strumenti, così come i canali per veicolare i valori aziendali. Probabilmente nei prossimi anni lo spot che mette al centro autorialità e appetising sarà ancora l’espressione di punta del prodotto italiano per antonomasia. Ma è probabile che pasta e cinema trovino ancora nuovi modi di incontrarsi, di pari passo con l’evoluzione di entrambi e del pubblico che li ama.

Ti piacerebbe lavorare con noi per promuovere il tuo business?